Regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 sul sostegno allo sviluppo rurale dal parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che abroga il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio. LEGGI QUI
 

PSR 2014-2020. MISURA 4 – TIPO DI OPERAZIONE 4.2.01

 
Soggetto richiedente
ORGANIZZAZIONE PRODUTTORI ORTOFRUTTICOLI EUROPA CONSORZIO COOPERATIVO AGRICOLO
Via Troilo Cabei, 6
44040 Cento (FE)
Frazione XII Morelli
 
Tipo di operazione
PSR 2014-2020. MISURA 4 – TIPO OPERAZIONE 4.2.01 “Investimenti rivolti ad imprese agroindustriali in approccio individuale e di sistema”
 
Titolo del progetto
“Acquisizione di nuove tecnologie per il completamento della linea biologica del pomodoro e risparmio energetico.”
 
Descrizione dell’intervento e finalità

I prodotti biologici continuano ad avere successo tra i consumatori italiani, sempre più attratti dalla genuinità, dalla naturalità e salubrità di questi alimenti.
La richiesta crescente di uno stile di vita sano e corretto, quindi di maggiore benessere per ogni fascia di età, incrementa la domanda di prodotti alimentari affidabili e naturali che rassicurino in termini di sicurezza e di adeguati apporti nutrizionali.
Il progetto oggetto della presente domanda di finanziamento riguarda il completamento del processo iniziato 3 anni or sono dalla stessa O.P. e interamente volto a sviluppare e ad incrementare l’attività di trasformazione del pomodoro biologico mediante l’introduzione, di impianti e macchinari di processo ad alto contenuto di innovazione tecnologica.
L’investimento prevede la realizzazione di interventi edilizi di ampliamento dei capannoni esistenti al fine di costruire gli ambienti idonei in cui posizionare i nuovi impianti e macchinari adibiti alla lavorazione del pomodoro biologico, nel dettaglio:

  • Realizzazione di una struttura metallica su due piani per l’alloggiamento del gruppo macchine passatrici;
  • Realizzazione di una tettoia metallica per l’ampliamento del capannone in zona confezionamento con chiusura delle pareti verticali esterne;
  • Realizzazione del nuovo blocco ad uso servizi igienici e spogliatoio per il personale dipendente in ampliamento agli uffici pesa ed al capannone destinato alla produzione e confezionamento del pomodoro.

Nel dettaglio l’investimento relativo all’acquisto di impianti e macchinari per la lavorazione di pomodoro biologico da inserire nell’ampliamento è così composto:

1. L’acquisto di un nuovo evaporatore continuo a ricompressione meccanica del vapore e circolazione accelerata del prodotto;
2. L’acquisto di una nuova passatrice che permette di estrarre e raffinare il succo da triturato di pomodoro opportunamente pre-riscaldato;
3. L’acquisto di una nuova torre di raffreddamento a tiraggio meccanico indotto e flusso controcorrente;
4. L’acquisto di una nuova riempitrice asettica “bag in box” completamente automatica, progettata per il confezionamento di una vasta gamma di prodotti liquidi a bassa o ad elevata acidità quali la polpa e la salsa di pomodoro biologico;
5. L’acquisto di un nuovo impianto per inattivazione enzimatica hot-break del tipo scambiatore a fascio tubiero verticale, con ricircolazione prodotto ad alto flusso e sosta con possibilità di deareazione del prodotto con una capacità lavorativa di 40ton /h di pomodoro fresco;
6. L’acquisto di un nuovo impianto automatizzato per l’erogazione del succo e del concentrato di pomodoro biologico;
7. L’acquisto di una nuova linea automatica per la produzione di polpa di pomodoro biologico;
8. A completamento dell’acquisto delle suddette macchine e impianti verranno realizzati gli impianti elettrici e idrici asserviti ai nuovi impianti tecnologici e nello specifico verrà realizzato l’ ampliamento della cabina elettrica completa di linee di collegamento per l’ installazione dei nuovi impianti per la lavorazione del pomodoro biologico.
 
Risultati attesi

I risultati attesi dal suddetto investimento possono essere così riassunti:

  • Aumento del fatturato aziendale come conseguenza dell’incremento della produzione di pomodoro biologico, trattandosi pertanto di una valorizzazione di prodotti a maggior valore aggiunto e maggiormente remunerativi per la O.P.;
  • Aumento dei quantitativi di prodotti esportati (riferiti sia al mercato interno che extra CE) come conseguenza del fatto che Cresce l’export di prodotti biologici italiani, dimostrando l’importanza che ha questa eccellenza del made in Italy verso l’estero e che quello del bio è settore in netta espansone, che rappresenta un sicuro reddito per le aziende e un impatto positivo per l’ambiente;
  • Consolidamento dell’occupazione quale conseguenza di un investimento che determinerà un incremento della materia prima lavorata e della produttività aziendale;
  • Ottenimento di livelli di tutela ambientale superiori a quelli previsti dalla normativa obbligatoria, in quanto l’investimento prevede tra l’altro opere realizzate utilizzando materiali di bioedilizia che tengano conto delle logiche di salvaguardia ambientale, dell’uso razionale delle risorse e della tutela della salute e del benessere dei propri dipendenti;
  • Ottenimento di livelli di sicurezza e condizioni di lavoro superiori a quelli previsti dalla normativa obbligatoria mediante l’introduzione di macchine ed impianti completamente automatizzati e dall’altro mediante la realizzazione di ambienti costruiti utilizzando materiali bioedilizi rispettosi dell’ambiente e della salute degli operatori.

 
Importo del sostegno ricevuto dall’Unione europea

Importo richiesto: € 4.580.116,41
Importo ammesso: € 1.832.046,56
Contributo: € 1.832.046,56